I cani e bambini si amano. Perchè metterli contro solo per fare polemica? Basta rispettare le regole del comune senso di convivenza civile e, avere un minimo di educazione per vivere tutti meglio. Cani e bambini compresi. Da Cambiare il regolamento del Pratone. Ma anche la testa di alcuni residenti.

Lascia un commento

3 aprile 2019 di Il Grillo parlante

Per una volta tanto non parliamo del Comune e di questa Amministrazione ma di Comprensorio, del pratone (spazio verde di fronte al padiglione della Vigilanza), di un regolamento troppo vecchio, scritto oltre tre decenni fa e oramai non in linea con le nuove leggi e con una Milano 3 cambiata, sopratutto nei residenti. E purtroppo non sempre in meglio.

All’epoca quando fu scritto il regolamento, l’obbiettivo era di far usare il pratone ai bambini e alle famiglie. Non ad altri. Tant’e’ che, tra i divieti scritti all’epoca, c’era anche l’ingresso ai cani. Avendo comunque spazio verde a volonta’ per gli amici a 4 zampe, si voleva dare uno spazio dove vivere all’aperto, genitori e figli. Evitando di pestare o caderci, su una cacca di cane. Di spazio verde ne abbiamo cosi’ tanto che usare ognuno i propri spazi non dovrebbe essere complicato. Eppure si riesce lo stesso a creare problemi. Vuoi per maleducazione, vuoi per integralismo, vuoi per non conoscenza, vuoi perchè a volte si vuole solo provocare.

Partiamo dal presupposto che esiste un Regolamento del Comprensorio che regola gli ingressi al Pratone, definendo cosa si puo’ fare e cosa no ma, non ci sono tutte le ordinanze a supporto per poterlo fare rispettare e, la Polizia Locale per educare ed eventualmente sanzionare. Non solo, nel frattempo sono passati oltre 30 anni e alcune leggi sono state modificate tanto da far decadere alcuni punti del regolamento stesso. In particolare quello riferito all’ingresso dei cani.

Nonostante il regolamento non sia stato cambiato, non si può impedire l’ingresso dei cani nel Pratone che è privato ma ad uso pubblico, a patto che siano al guinzaglio ed il padrone raccolga le feci del suo animale.

E davanti a questa ambiguita’ le discussioni si sprecano. Tra mamme (giustamente) irritate quando il figlio/a finisce sopra una cacca di cani e padroni di cani, maleducati che non usano il guinzaglio e che non raccolgono la loro cacca.

In tutto questo, non essendoci un regolamento aggiornato e che si possa far rispettare, non essendoci le giuste ordinanze e la polizia locale, chi, secondo noi, ci va di mezzo, è la Vigilanza che deve far rispettare un regolamento, non più adeguato, in alcuni punti e senza poterlo fare adeguatamente, non avendo la possibilità di sanzionare, non essendo la polizia locale. La quale ovviamente in tutto questo e’ la principale assente.

Vai a spiegare ad una mamma irritata, giustamente, perchè il figlio è finito su una cacca di cani che, purtroppo, la maleducazione regna e che alcuni proprietari di cani non fanno quello che l’educazione civica imporrebbe. E vai a spiegare ad un padrone di cane che non lo può lasciare libero senza guinzaglio (oltre a non lasciare sporco dopo che il proprio cane ha defecato). In molti ascoltano, sono educati e rispondono positivamente alle richieste della Vigilanza. Alcuni invece fanno i fenomeni, oltre ad essere maleducati. Ed iniziano ad insultare la persona di turno della vigilanza che, è li’ solo per fare il suo lavoro. Lo ricordo a tutti. Sono dei lavoratori e come tali andrebbero rispettati e non insultati. E conoscendo la nostra Vigilanza, sinceramente non se lo merita. Al netto di un regolamento fuori tempo e da cambiare assolutamente. O perlomeno, aggiornare quei punti modificati da una legge di stato, adeguando il regolamento in vigore, al 2019.

Se si va al pratone con il cane senza guinzaglio, ad insultare il lavoratore di turno della vigilanza che educatamente gli fa notare che deve legare il suo cane e, poi racconta di essere stato insultato da un numero sproporzionato di Vigilanti, mentendo spudoratamente su come si sono svolti i fatti, questa non solo e’ diffamazione ma istigazione alla violenza verbale (per ora non fisica ma non mi stupirei prima o poi avvenisse), nei confronti di chi, con buon senso cerca solo di fare il proprio dovere, sopratutto se si chiamano i soccorsi sulla base di menzogne. Brutta storia. Sopratutto Inutile. Contro chi non se lo merita.

Se si ha da contestare il regolamento del Pratone, ci si rivolga al comprensorio, al proprio delegato, si scriva, si telefoni. Ci sono tanti modi per farsi sentire. Sfancularsi la persona della vigilanza, non solo, è da maleducati ma, è pure inutile. Ce la si prende con l’obbiettivo sbagliato. Ma sopratutto a metterla sul piano dello scontro non porta mai conseguenze buone. Mai. E a volte si rischia di andare oltre il dovuto. Non sarebbe carino.

Detto questo speriamo che il buon senso prenda possesso delle menti di alcuni e la si finisca con queste stupide guerre e, si pensi ai problemi veri di Basiglio. Fare la guerra alla Vigilanza, su questo argomento, semplicemente e’ stupido. E alla lunga non paga. Non serve altro per spiegarlo. Non serve sfidare la vigilanza. Loro sono li’ per lavorare. Non per altro. Sono li’ per assistere i residenti. Sono li’ perchè la stragrande maggioranza dei residenti di Milano 3, non potrebbe vivere ancora a Milano 3 senza un servizio come quello che svolgono loro e lo sappiamo. Fanno del loro meglio. E lo fanno mediamente molto bene. A volte anche oltre il loro dovere. Perchè puntarli?? stupido. Ripeto, molto stupido. Finirla? sarebbe meglio.

Detto questo, sarebbe ora che quel regolamento venisse modificato cosi’ da evitare polemiche inutile che, in alcuni casi, possono essere usate volutamente o non volutamente, contro la vigilanza che ha ben altre cose da fare, per la nostra sicurezza e serenità. E mi risulta, informandomi presso il comprensorio che, si stia provvedendo in merito. E non solo in termini di regolamento ma con altra iniziativa secondo me molto utile e che piacerà sicuramente, andando, mi auguro a chiudere ogni polemica inutile. Serve solo un po’ di pazienza. D’altronde, dove non ci arriva l’intelligenza ci deve arrivare un Regolamento, rivisto e attuabile ma sopratutto che lo si possa far rispettare. Lo sappiamo. La polizia locale non c’e’. E questo e’ un problema del Comune. Oramai e’ di sede fissa a Pieve Emanuele. Come ho paura che finirà per essere cosi’ anche per i famosi agenti accertatori, i quali, inizialmente dovrebbero operare sul territorio di Pieve non solo sul nostro. Abbiamo già capito che faranno la fine della polizia locale. Staranno a Pieve ad operare. Qui non li vedremo quasi mai. Mica scemi a Pieve. Ancora ci chiediamo se, chi prese questa decisione di consorziarsi, ora dorme tranquillo la notte oppure si e’ reso conto della minchiata fatta. Secondo noi la seconda. Ma tant’è. Ora ci teniamo il danno e gli effetti collaterali.

Questo è uno dei grandi e veri problemi di Basiglio. Non le guerre inutili sul Pratone e contro la vigilanza. Andate con i cani dove volete ma rispettate la legge, tenendoli al guinzaglio e raccogliete la cacca del vostro animale. Se si seguono queste basilari regole, tutto il resto non serve. Non serve un regolamento. Non serve provocare la vigilanza. Non serve altro. I cani e bambini si amano. Perche’ metterli contro solo per fare polemica? Basta rispettare le regole del comune senso di convivenza civile e avere un minimo di educazione per vivere tutti meglio. Cani e bambini compresi. Non e’ difficile. Proviamoci.

AL

Ps Pubblicato sondaggio sul Fortino. Vecchissimo problema ancora in essere. Dite la vostra prima che i Delegati votino sul suo destino e con i nostri soldi. Sondaggio Fortino. Cosa fare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Visitatori Blog

  • 145.906 visite

Milano3 è anche questo

Siamo su Facebook

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Olimpiadi 2026

Onore e Stima. Uomini di Stato uccisi, anche dallo stato.

Articoli più cliccati

Info Resp. Blog

Blog Ideato e gestito da Annamaria Licata.
Rif. Mail: licata.annamaria@libero.it

5.000.000 di SI.

Natale 2018: Un giocattolo per un sorriso.

RSS Un pò di Sport

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Per non dimenticare: Giustizia per Genova.

Member of The Internet Defense League

GAIA Animali e Ambiente Basiglio tel. 338.3308300

Sede presso "Casa delle Associazioni" - Res. Solco, 511, Basiglio. Responsabili: Pamela Marangoni, Edea Conti. Volontaria Rozzano:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: