Riqualifica del Fortino. Si parte. In compenso, il direttore tecnico dell’urbanistica si è messo in aspettativa, dopo nemmeno tre mesi, dalla sua nomina. C’è l’impressione che scappino tutti, non appena vedono le carte e, sopratutto ascoltano Rebuffi, assessore di riferimento. Forse non vogliono rischiare per lui ed, il suo predecessore. Fatto grave che si spera ma, si dubita, venga spiegato in consiglio comunale che, dovrebbe tenersi il 9 di questo mese. Insieme alla villa a cubo, Rivalago e pista ciclabile (ancora chiusa). Argomenti caldi e poco chiari. Infine un messaggio per questa giunta. Le voci girano e sempre più velocemente. Problema vostro, non nostro.

Lascia un commento

5 luglio 2019 di Il Grillo parlante

Ci siamo. Dopo oltre 10 anni (non ricordo quanti esattamente), in assemblea ordinaria Comprensoriale, è stata votata la riqualificazione del Fortino e scelto fornitore. A breve penso, si partirà.
Costo dell’opera di riqualifica, 140 mila euro, soluzione chiavi in mano, Iva compresa. Tanta roba. Fosse stato per noi abbattimento e subito 😀 ma non si poteva fare, senza una assemblea straordinaria che a Milano 3 è impossibile fare, un po’ per leggi ambigue ed un po’, per il menefreghismo di molti. Non si avrà mai la maggioranza perche possa essere indetta. Ergo, essendo giusto riqualificare l’area, anche per non lasciarla zona di spaccio e consumo, oltre che “pisciatoio” pubblico (visto purtroppo di persona, il venerdì sera tutta la zona centrale, diventa un cesso ad aria aperta. Ogni albero è buono), ci tocca spendere. Fermo restando che per noi, l’unico modo di evitarlo, sono la presenza e l’intervento dei carabinieri, come poco tempo fa. Ma non possono essere sempre presenti dovunque. La Vigilanza fa del suo meglio ma, non ha nessun tipo di potere. Figuriamoci con dei minorenni. Finirebbero solo nei casini. Si provvederà ad un sistema di videosorveglianza rafforzato ma, se poi non ci sono i vigili a far rispettare le regole civiche, sono soldi buttati. Ci vorrebbe presenza sopratutto della polizia locale, sopratutto nelle serate del venerdì e del week end. Darebbe una mano e aiuterebbero nel prevenire sopratutto. La loro presenza sconsiglierebbe comportamenti pessimi e se mai fosse, loro potrebbero intervenire. Oramai sul territorio nostro, è sparita completamente. Ci rimangono solo le macchine che ci costano a bilancio. Una vergogna. Paghiamo la tasi, (tassa sui servizi) ed in cambio abbiamo solo i birilli rossi, al posto della locale. Paghiamo la vigilanza ma, quest’ultima non ha potere di intervenire. Nonostante facciano del loro meglio. Ergo paghiamo due volte ma non si possono fermare i maleducati, gli incivili ed i figli di papà arroganti che usano il verde e le bellezze di Milano 3 come pattumiera e pisciatoio. Le bottiglie di vetro non si rompono per terra perché poi qualche bambino può farsi male oppure, chi passa in bici rischia di bucare. Ma tanto discorso inutile. Maleducazione e mancanza di controlli rendono le nostre chiacchere inutili. Anzi fastidiose. Questa amministrazione, ha ben altri problemi ora, presa con la rinuncia all’incarico del direttore tecnico dell’urbanistica dopo nemmeno 3 mesi che era stato nominato. Si è messo in aspettativa. Non c’è una spiegazione ufficiale da parte del comune. Voci di corridoio, ci dicono di forti contrasti con l’assessore al l’urbanistica Rebuffi. Non facciamo fatica a crederci. L’argomento dirompente sarebbe stato la villa a cubo (a vedere i documenti non facciamo fatica a crederci) ma, anche su Rivalago c’è stata maretta. Secondo il direttore tecnico, non si può fare ristorazione in quella zona come da sentenza del tar e come da PGT e, piano delle Regole. Secondo Rebuffi, invece, le sentenze si interpretano (detto da un avvocato è quanto meno discutibile). Secondo noi e, secondo chi è del mestiere e secondo avvocati preparati, le sentenze si rispettano. Infatti, si stanno già muovendo i legali, per bloccare l’attività. E per chiedere conto al Comune che rischia la mancata vigilanza per l’osservanza della sentenza. E non solo. Vedremo. Siamo solo all’inizio ma fossimo nella proprietà del Rivalago e, fossimo al posto della amministrazione, non andremmo in giro a vantarci, tanto da far irritare diversi cittadini e attività commerciali che stanno subendo una concorrenza sleale. Terrei un profilo più basso perché c’è il rischio che prima o poi ci sia di nuovo l’interessamento di un tribunale che possa, bloccarne l’attività, se viene riconosciuta la valenza della sentenza del tar. Cosa tendenzialmente certa. Tornando al fortino, bisognerebbe parlare di alcuni genitori che, potrebbero fare molto per educare meglio i propri figli all’utilizzo dello spazio comune. Sulle scelte di vita ovviamente non ci permettiamo ma, almeno sul sapersi comportare in spazi comuni, quello si. Ci permettiamo di scriverlo. Nel frattempo per sopperire alla mancanza della Locale e, del senso civico, tocca a noi pagare un buon sistema di videosorveglianza e confidare sempre nel presidio dei carabinieri e della vigilanza.
Alla fine si sfioreranno i 140 mila euro finali. Per un anacronistico fortino. Almeno per noi. Poi siamo contenta se sto botto di soldi andrà ad aliettare le giornate di qualche ragazzino… Però sticazzi quando costa sto fortino. Ecco perché io ho sempre tifato per gli indiani. 😀

C’è da dire per amor di informazione che i costi sono quelli.

La gestione delle offerte è stata trasparente e minuziosa. Il legno costa ma il pavimento antitrauma previsto per legge, costa un botto di più. La cifra ci sta. Infatti noi non discutiamo il buon lavoro fatto dai rappresentati del comprensorio, a partire dal Geometra, al comitato e parte di Delegati. Purtroppo non tutti partecipano. E bisognerebbe che ci spiegassero come mai.

Di conseguenza tanti soldi per un fortino che per quanto ci riguarda avremmo buttato giù ma essendo impossibile farlo, avremmo, cercato di risparmiare sui giochi, visto che di parchi giochi a milano3 siamo pieni.

Però la maggioranza dei presenti ha preferito spendere. Questa è la democrazia. E va rispettata ed accettata.
A questo punto spero che i 140000 euro che spenderemo, non siano per riqualificare un cesso pubblico all’aperto. Visto come viene usato ora , senza controlli. Che questa amministrazione, tirasse fuori le palle e, costringesse il comando della polizia locale, a farsi dare due macchine di ronda il venerdì sera e sabato sera. E che diamine. Va bene che ora non dormono tranquilli tra procure che indagano, direttori tecnici che maagaati si mettono in aspettativa, forse per paura, di finire nei casini, visto le pratiche poco chiare, dell’urbanistica di Basiglio negli ultimi anni. Tra Rivalago, villa a cubo e pista ciclabile. E forse perché, lavorare con l’assessore Rebuffi, è faticoso. Oltre che rischioso. E c’è chi dice NO. (cit. Vasco)

Infine una specifica per questa amministrazione e, nello specifico per il sindaco e questa giunta. Se sono venuta a conoscenza di una, teoricamente, così fosse, grave situazione, legata al Sindaco, è stato tramite, chi è protagonista, (apparentemente) suo malgrado, di questa brutta storia. Ed essendo dentro un’associazione che si occupa di queste situazioni, sono stata contattata e messa a conoscenza. Un caso. Ma a volte il destino segue la sua strada e si può fare poco per fermarlo. O forse doveva rendermi un favore. Ergo, questa amministrazione sappia che, sta storia, se esploderà sarà solo, perché c’è chi è esasperato e giusto o, sbagliato, non sta più in silenzio. Non aggiungo altro ma, se sta brutta storia, sta scappando di mano, è colpa solo di chi, non se ne è occupato prima. Sindaco in primis. Questo per capirci fra me e loro. È situazione gestita male. E queste storie sono impossibile, da tenere a lungo segrete, a Milano 3 poi, ancora di più. Sperando sempre che non succeda mai nulla. Morale. È unicamente un problema vostro se sta storia fa fatica a rimanere nascosta. E per ora la chiudo qua. Non sarò io a raccontarla. Ma smettetela di insultarmi, nei modi peggiori, con chiunque parliate. Perché avete altro a cui pensare. E comportatevi come membri di un’istituzione e non come dei beceri camionisti in un’osteria.

Adesso aspettiamo il consiglio comunale che, dovrebbe tenersi a giorni. Vedremo se finalmente spiegheranno tutti i cinema in cui si ritrovano, la situazione dell’urbanistica e, dei casi oggetto di attenzione della procura e degli avvocati. Ma, conoscendo i nostri polli, temiamo che cercheranno di sorvolare. Confidiamo sulle opposizioni che, chiedano conto e duramente.

Noi ci saremo. E vi faremo sapere.

Come sempre.

AL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Visitatori Blog

  • 134.392 visite

Milano3 è anche questo

Siamo su Facebook

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Olimpiadi 2026

Onore e Stima. Uomini di Stato uccisi, anche dallo stato.

5.000.000 di SI.

Info Resp. Blog

Blog Ideato e gestito da Annamaria Licata.
Rif. Mail: licata.annamaria@libero.it

Natale 2018: Un giocattolo per un sorriso.

RSS Un pò di Sport

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Per non dimenticare: Giustizia per Genova.

Member of The Internet Defense League

GAIA Animali e Ambiente Basiglio tel. 338.3308300

Sede presso "Casa delle Associazioni" - Res. Solco, 511, Basiglio. Responsabili: Pamela Marangoni, Edea Conti. Volontaria Rozzano:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: