La movida del venerdì sera, per ora, si è di molto calmata. E non certo per merito della polizia locale né del comune. Ma l’impegno dei carabinieri ed il freddo hanno di molto stroncato, il ritrovo del venerdì sera a Milano 3, per centinaia di ragazzi, molti minorenni, in cerca di alcool. Purtroppo nuovo atto vandalico, di qualche incivile e stupido giovincello, a quella specie di monumento che si trova in piazzetta, lato lago. Si parla di una bomba carta. Ma ci informeremo meglio.

Lascia un commento

28 dicembre 2019 di Il Grillo parlante

Oggi, ennesimo atto vandalico prodotto da imbecilli o per meglio dire “bimbi minkia”, perché solo così, li si possono definire. È stato danneggiato (credo con bomba carta ma non ho certezza) il monumento o qualsiasi cosa sia, in piazzetta, lato lago che, comunque ho sempre ritenuto pericoloso, per l’utilizzo che se ne fa ed ubicato, nel posto sbagliato, perché oramai è usato dai bimbi grandi e piccoli, come fosse un gioco predisposto per loro. Ma non è così. Oltre ad essere orrendo e dal significato oscuro, è tutto in cemento, fatto di spigoli e con altezze rilevanti se un bimbo, cade dal punto più alto. E ogni volta che passo mi viene l’ansia a vedere quegli scriccioli arrampicati sopra o che fanno salti più alti di loro.

Non lo si dovrebbe usare ma non c’è niente, in piazzetta, per i piccoli. È ovvio che quello sia diventato un surrogato di qualcosa che manca, visto che, a frequentare quel lato di piazza, sono sopratutto mamme e bimbi. Tanti.
Questo non giustifica che sia da vandalizzare. Tanto per essere chiara. Ma andrebbe comunque smontato e spostato (se proprio c’è qualcuno che lo vuole tenere). Al suo posto un bel gioco per bimbi con terreno antitrauma come prevede la legge. Oppure chiuderlo e renderlo inutilizzabile aggiungendo sempre un gioco per i bimbi più piccoli. Ma ricordo a tutti che, questa è l’amministrazione che sotto elezioni, aveva promesso un gioco per bimbi disabili al parco vione e poi, non lo ha più fatto, perché ha scoperto che costava. Vero assessore Vicamini che all’epoca era pure abusivo ed occupava illegalmente la nomina di assessore, come fatto presente dal Prefetto che, gli aveva chiesto pure di dimettersi? Cosa che ovviamente non fece.

Prima o poi dovrà rendere tutti gli stipendi presi, senza che in realtà gli spettassero.

Vicamini è sempre quello dell’illuminazione smart che fa schifo, talmente è calibrata male, vedi posteggio Vg (dove c’è chi si diverte a fare, come fosse sul set di Gomorra ma, questo è altro discorso) ma, non solo. Per non parlare del sistema smart di telecamere, che è rimasto fuori uso per diversi mesi e, nel frattempo hanno ammazzato con esecuzione stile mafiosa, un cristiano. Ed ancora adesso gli inquirenti si chiedono come mai… E, fossi in loro, mi chiederei pure, perché gli assassini fossero sicuri che, le telecamere non sarebbero state rimesse a posto, per lungo tempo (se sono stati loro come si sospetta, tanto da metterle fuori uso, due settimane prima dell’esecuzione a freddo, e non 24 ore prima) avvenuta a Vione lo scorso inverno e della quale non si sa più niente se non che, è storia pesantissima ed in ballo, c’è gente pesante. Questo è un dubbio che mi tormenta da sempre.
Tornando a bomba e al monumento, per come è strutturato, se un bimbo cade e si fa male, paghiamo noi cittadini e tanto. Non so se è di responsabilità comune o palazzo dei cigni. Ma quella roba prima o poi farà danni. Sarebbe il caso di levarlo o di non farlo più usare come strumento di gioco. Non lo è. E di metter qualcosa di più sicuro ed utile per i tanti bambini che, si ritrovano davanti al laghetto per giocare. Oramai è luogo di incontro genitori bimbi. È un dato di fatto. Percui due panchine ed un gioco, a norma di legge, non sarebbe male.
Detto questo faccio altra premessa.
Quando succedono queste cose, tutti ad indignarsi ed, a prendersela con il mondo. Compreso con chi non c’entra nulla.. Ovvero la Vigilanza, in quanto non è sua zona ma, semmai di Rossetti (vigilanza palazzo dei cigni) che, effettivamene si vede girare pochissimo e non fa certo il tipo di servizio che fa la vigilanza di Milano 3 del comprensorio. Nemmeno da paragonare. E qui, parte dei residenti di palazzo dei cigni dovrebbero fare il mea culpa per aver pensato, anni fa, di risparmiare e passare, dalla vigilanza di Milano 3 a Rossetti. Ora credo se ne stiano pentendo amaramente. Almeno a sentire le opinioni della maggior parte dei residenti e commercianti, di palazzo dei cigni.
Ma ognuno è artefice del proprio destino.

Soltanto che ci va di mezzo, pure chi è stato costretto allo stesso “destino”. Ovvero chi non avrebbe voluto questo cambio ma si è trovato a subirlo. A volte la democrazia fa danni. E vi prego, nessuno si metta a cantare Bella ciao. 😁 Lo hanno già fatto la suora laica ed il prete più anziano, nella chiesa di Basiglio. Basta e avanza.

Quando si dice “che non ci si fa mancare nulla. Ma proprio nulla”.

Ulteriore premessa va fatta pure per i carabinieri. Sono 7 cristiani compreso chi comanda. Lo sono sempre, in giro ma, in particolare, pattugliavano il 24 di dicembre ovvero la vigilia, il 25 non li ho visti ma, perché non c’ero ma so che erano di servizio, il 26 dicembre e stasera. Compreso, i più alti in grado. E non si sono risparmiati con i turni. Nonostante sia Natale per tutti e abbiano, pure loro, famiglia.
È impossibile per quanto ci provano, presidiare il territorio, controllare e prevenire tutto. Evitando ad esempio, i posteggi creativi di gente maleducata oppure questi maledetti botti. È ovvio che i Coglioni (perché solo così possono essere definiti), i botti, non li fanno quando passano loro. Difficile da prenderli in fragranza di reato. Per quanto ci provano, impossibile monitorare tutto ed essere dovunque, con una pattuglia.
Si impegnano e fanno l’impossibile. Ma non possono accollarsi tutto. Questi compiti sarebbero della Polizia Locale. E qui scatta il vero problema. Noi non ce l’abbiamo ed, oramai, lo sanno pure i sassi. Sono in tre, compresa chi è rientrata dalla 104. Stanno poco a Basiglio ma spesso a Pieve. Il venerdì sera, quando c’è turno fino alle 23, sono a pieve e non in piazzetta o in giro per Milano3, per i vialetti del comprensorio, dove i bimbi minkia si muovono, rompendo lampioni e tirando bombe carta.
Questo è il vero problema ed è su questo che bisogna focalizzarsi. Ne vogliamo parlare consigliere Fabio Vinciguera con delega alla sicurezza?

I carabinieri, per quanto mi riguarda, hanno altri compiti teoricamente da svolgere e, non dovrebbero star dietro ai bimbi minkia che pullulano a Basiglio. Noi cittadini paghiamo la Tasi al comune, per la polizia locale che ha certi compiti e, poi paghiamo le tasse allo stato Italiano, anche per pagare le forze dell’ordine che avrebbero altri compiti. A Basiglio, ci ritroviamo senza la polizia Locale ed i soli Carabinieri che, oltre a dover fare il loro, con numeri risicati, per usare un eufemismo, deve sopperire alla mancanza della P. L.

Oltretutto, se tutto va bene, nessuno dice nulla. Se succede qualcosa, tipo monumento danneggiato, allora scatta la generalizzazione e finiscono tutti, compreso loro, i carabinieri intendo, nel calderone della rabbia dei cittadini. E non va bene. Vanno dati i giusti oneri ed onori.

Dopo l’articolo che scrissi circa un mese fa, sulla movida del venerdì sera che, stava decisamente andando oltre e fuori controllo, ora sembra tornato, tutto, abbastanza tranquillo.

La piazzetta, sembra essere tornata tranquilla. Davanti alle attività commerciali, non ci stanno più orde di minorenni a cazzeggiare, con la bottiglia in mano. Un po’ per il freddo, un po’ perché i più svegli hanno capito e si sono spostati (non sta a me far la morale a nessuno e, nemmeno me lo potrei permettere. Mi basta solo che ci sia il rispetto dell’altro. Se esistono altri luoghi, dove potersi divertire senza rompere le palle a nessuno, ben venga). Per il resto, credo che il merito vada ai carabinieri che, con controlli sul territorio, continue ronde il venerdì sera come stasera, posti blocco con verifica documento agli ingressi di Milano 3 (li ho visti) ed altro che non stanno certo a raccontare a me, sembra abbiano riportato la calma in piazzetta. La quale è tornata vivibile anche agli altri cittadini. Al netto dei bimbi minkia che si divertono, loro, con i botti. Quelli purtroppo, finché non gli scoppia una bomba carta in mano, difficile estirparli.
E comunque sappiate che non tutti i guai, arrivano da Rozzano o comuni limitrofi. C’è una buona parte che è roba nostrana. Frutto di poca educazione, tanta stupidità e, pochissime sberle. Troppo poche. Perché la colpa, in parte, è anche dei genitori. Non tutti per carità. Ma buona parte si. Vedere ragazzine e ragazzini di 13/15 anni in giro la sera tardi.. Mi fa chiedere dove sono i genitori. A volte li accompagnano pure. Li scaricano in piazzetta sul tardi.. E magari li rinvengono a prendere di notte. Non so. Ma ai miei tempi, a quell’età si stava a casa, la sera. Magari incazzati perché si voleva uscire, ma a casa. Ovvio, ora è cambiato tutto. Ma resto dell’idea che certe regole avrebbero ancora tutto il loro senso. Sopratutto in questo brutto mondo. E se li vedi già bruciati a 15 anni e le ragazze peggio.. è perché queste regole non ci sono più. Fanno tutto e subito. E a 16 anni sono già vecchie. Hanno già dato e fatto tutto. E parlo sopratutto per le ragazze. Brutto dirlo da donna.
Tornando a noi, stasera di nuovo, i fuochi di artificio a mezzanotte per festeggiare un compleanno. Che a me piacciono. Ma hanno sparato pure bombetta. E questo non mi piace per nulla. A sto giro, però sono intervenuti i carabinieri che, erano tutta la sera che giravano. E li hanno beccati. E a momenti, si beccano pure un vaso in testa, da un residente stanco. Che da una parte ci sta. Però bisogna anche stare attenti a reazioni di questo tipo, perché se si becca qualcuno, gli si fa male. Prime cosa. Seconda cosa, non è detto che venga colpito il colpevole ma magari uno che non c’entra nulla. Giustizia da soli, fino ad un certo punto. E non tirando un vaso dal balcone. Perché si può colpire anche chi non c’entra nulla. Evitiamo ste cose.

Per la cronaca, il gestore del locale e, chi ci lavora, non c’entrano nulla e parlo del Too Easy, luogo vicino al quale hanno sparato i fuochi. Non possono neppure loro controllare tutto e tutti, al di fuori del loro locale. Anzi, dove possono collaborano per evitare che succedano proprio ste cazzate. Ma non possono controllare tutta la piazza.

Comunque credo che i ragazzi fermati, si beccheranno la denuncia.

Oramai succedeva da troppi venerdì sera a mezzanotte che si festeggiava un compleanno, con i fuochi di artificio e botti. Era inevitabile che prima o poi qualcuno venisse preso. Anche qui, meglio cambiare abitudini. Oramai si conosce ora e luogo. Basta con sti cazzo di botti. Detto in soldoni. Anche se tanto, queste mie parole, ho paura restino perle ai porci. Ma non dirlo sarebbe peggio. Sarebbe come arrendersi.

Però almeno il venerdì a mezzanotte anche basta. Tanto vi vengono a prendere.

Infine il Comune e, questa amministrazione si debbono prendere la loro responsabilità. Non possono dare sempre la colpa ai gestori dei locali per qualsiasi cosa succeda a Milano3. E pretendere che assumano guardie private. E dopo che lo hanno fatto? Cosa cambierebbe? Sono come la vigilanza che non possono intervenire. Ma possono solo chiamare i carabinieri. I quali non ne hanno bisogno perché sono già sul pezzo, come stasera. La verità è una sola. Se a Basiglio chiunque fa, quello che gli pare è, perché sanno che non c’è nessuno che li sanziona. Non esiste la polizia locale che avrebbe il compito di fare questi controlli e di vigilare sul territorio comunale, compreso sui beni del comune. Inutile che chiedano soccorso alla Vigilanza di Milano 3. Il prefetto ci sente poco. E non è così che rimediamo alla carenza cronica della Locale. Colpa loro. Solamente loro, ovvero della giunta attuale e di quella precedente. Hanno smantellato la struttura e optato per una convenzione che non va bene, a nessuno, tra i cittadini. Né a Basiglio, né a Locate, neppure a Siziano.. E persino a Pieve si lamentano. Hanno pensato che, per pagare di meno, una convezione di questo tipo, risolvesse i loro problemi. Ed invece siamo finiti nelle mani di Pieve. Ed i nostri guai sono peggiorati. Gli atti vandalici sono all’ordine della settimna, per stupidità, inciviltà, mancanza dei genitori ma sopratutto mancanza di una polizia locale degna di tale nome.
I carabinieri non possono sopperire a questa mancanza. Noi cittadini paghiamo la P. L. con la tassa denominata Tasi. Sarebbe da non pagare considerando che i servizi per cui paghiamo non ci sono. Oppure devolverla in aumento di stipendio per Carabinieri di Basiglio e la Vigilanza di Milano3 che ne coprono, l’assenza. E per fortuna.

Ecco perché io li ringrazio sempre.
Il comune e questa sindaca non possono dare la colpa di tutto quello che succede a Basiglio, ai gestori dei locali. Va bene tutto… Ma sui navigli non è che, hanno bloccato la movida, perche portava casino. Ma hanno organizzato e potenziato controlli, con uomini e sistemi di sicurezza, degni di tale nomi. Con polizia locale e forze dell’ordine anche in borghese. Che questa sindaca, risponda che, il monumento distrutto, sia colpa dei gestori dei locali perché devono prendersi una guardia giurata è ridicolo. Prima di tutto, se non si sa chi è stato, non si può sapere se erano clienti del locale od un gruppetto di ragazzini che, girovagavano annoiati. annoiati. E secondo, una guardia giurata può solo che mantenere l’ordine all’interno del locale e nelle zone esterne, sempre del locale e sempre senza poter fare molto, non avendo molto spazio di movimento. La legge non aiuta in questo. Può solo che chiamare le forze dell’ordine. Nulla di più. Non può controllare il monumento. Bisogna avere l’ok dalla Prefettura cara Sindaca.

Ed è vergognoso che scarichi la colpa, delle vostre carenze e ed incapacità, sempre su altri. Ma voi non avete mai una colpa? Che cosa ci state a fare, al comando di un Comune, se poi non fate mai nulla per risolvere un prblema ma demandate sempre altri, a fare quello che dovreste fare voi. Assunetevene la responsabilità e fate qualcosa di intelligente, efficace ed efficiente. Un miracolo lo so. Ma se non ora, a Natale, quando? La sicurezza dei cittadini è compito ed opera del Sindaco. Non di un gestore di un locale qualsiasi. La colpa è del sindaco se ci sono posteggi a cazzo… Inosservanza delle regole e Bimbi minkia, di Basiglio e dintorni che, si divertono a fare i minchioni, perché tanto sanno che nessuno li becchera’ mai. Sempre che non si mettano di punta i carabinieri. Allora la faccenda cambia.

Ma non possono e non potranno essere presenti ovunque. I carabinieri. Ed i bimbi minkia, purtroppo non spariranno. Lotta dura.

Se poi devono operare in un edificio comunale, dove ha sede la caserma, sarebbe carino renderlo umano per chi ci opera. Carino per loro e carino per noi cittadini. In una struttura più efficiente anche il lavoro diventa più efficace.

Fatelo solo per zittirmi. Dimostratami che ho torto. Che quel mezzo milione promesso un anno fa, esiste. E che non erano parole strumentali. Fate partire i lavori prima che sia troppo tardi per voi. 😁

Piccola chiosa. Sono io che vi ho preso di punta per la caserma come per tante altre cose. Avete fatto una promessa, nel Dup, ovvero documento unico di programmazione, ovvero la bibbia per un comune, vi siete giocati 500.000 euro. Dovevate rifare la sede della caserma. Ed invece avete già spostato tutte le opere previste quest’anno ed il prossimo, a dopo giugno 2020. E vedremo se ci arriverete. Ai carabinieri da fastidio quanto voi, quando vi ricordo della promessa mancata. Ma questa è roba grave. Non si può tacere. Il Dup non è l’arganizer di topolino ma documento istituzionale primario di una ammistrazione. E andrebbe maggiormente rispettato. Altrimenti è solo un modo per riempirsi la bocca, cercare consensi facili tra i cittadini e, tenersi buoni, i vari portatori di voti. Va spiegato bene nel caso di modifica. E non basta dire “perché i lavori di carattere edile, non si fanno di inverno” . Proprio non basta.

Vabbè la chiudo qua. Per ora.

Ma ripeto, fatelo solo per zitttimi e fate partire sti lavori. Visto che ridarci la Polizia Locale è impossibile, almeno rendete idoneo un ambiente di lavoro, per chi sopperisce ad una grave, vostra mancanza. Ed è presenza irrinunciabile per noi cittadini.

Tornando alla movida, una cosa credo si sia capita. Basta venire a Milano3 a festeggiare, il compleanno, con i fuochi di artificio, il venerdì sera a mezzanotte. Li facessero a casa loro. A Rozzano è altra contesto, più free ma, anche lì bisogna stare attenti. Si rischia di prendere sberle dalla locale che, esiste ed opera bene insieme ai carabinieri, (messi insieme sono oltre 60 persone) o da altri cittadini che non amano che gli si rompa, le scatole, di notte. Se li fanno nel luogo sbagliato. A volte preferisco Rozzano dove ci sono regole scritte e non scritte. E guai se non le si rispetta.

Servirebbero anche a Basiglio per certi versi, certe regole. Ma di più ancora, servirebbe la Polizia Locale.

È inutile che questa amministrazione dia la colpa sempre ad altri, quando succede qualcosa, legato alla sicurezza. La primaria colpa è loro perché hanno smantellato la polizia locale e firmato una scellerata convenzione, svendendo quei pochi agenti che avevamo, a Pieve Emanuele. GENI. Firmata, ricordo, dall’ex sindaco ora indagato per le questioni legate alla Guadagnopoli di Basiglio, ed ai tre dell’Ave Maria. Ovvero assieme all’ex assessore all’urbanistica Valerio Marazzi, anche lui indagato. Ricordo che per entrambi erano state richieste misure cautelari. Per ora sfangate, grazie all’età, al fatto che sono incensurati e al fatto che non potessero più fare danni. Vediamo quando le indagini si chiuderanno ufficialmente, cosa succederà. Cosa richiederà il Pm e cosa deciderà il Gip. Oltre a venirsi a prendere gli altri… Che non credano di sfangarsela. Dalle intercettazioni lette, hanno i mesi contati. Ma lo sanno, eccome se lo sanno. Hanno paura e si vede. Solo questione di tempo e poi, occhio al citofono alle 5 del mattino. Ma anche più tardi. 😁 Ricordo che pure Alvise Rebuffi, attuale assessore all’urbanistica ed affari legali (perché questo comune spende più in cause legali, contro i propri cittadini che nei giochi per bimbi disabili), risulta intercettato nell’indagine in corso ed è il terzo dell’Ave Maria. Chiamati così dallo stesso Guadagnolo. Già sotto processo per altre gare d’appalto truccate. Oltre che, finito di nuovo agli arresti domiciliari (per me se la è cantata, altrimenti finiva diritto in galera da recidivo e sotto processo per altro ma, è un mio pensiero), per le faccende legate all’Humanitàs, a Pieve e sopratutto a Basiglio.

Ma di che parliamo.

E poi loro querelano me perché si sentono feriti nella loro onorabilità. Vediamo cosa stabilirà la procura della loro onorabilità. Al momento l’unica querela proseguita è la prima che, mi fece l’assessore Marazzi ma, visto le indagini che lo riguardano, la sua onorabilità, se la è già giocata. E non certo per un mio articolo su Rivalago e delibera 34. Vedremo cosa dirà il giudice e se nel frattempo si chiudono prima le indagini che lo riguardano. Per il resto, invece, è andata avanti la mia denuncia in procura, per minacce, contro l’assessore Marazzi. Aspetto data. Per ora ce la giochiamo, caro Alvise Rebuffi. La racconti meglio, quando la racconta in giro e su fb.

Per ora posso chiuderla qua. Per ora. Faccio la brava. Come sempre 😁

Resto convinta che un tavolo d buon senso, tra responsabili dei locali in questione, assessori di competenza per il Comune, forze dell’ordine e P. L., sarebbe la prima cosa da fare per cercare di operare verso la stessa e giusta direzione.

Ma qui a Basiglio mancano sia il buon senso e, sia, la polizia locale.

Il tavolo partirebbe zoppo.

Vedremo che succede e speriamo che i botti finiscano con capodanno.

E l’occasione è gradita per augurarvi un 2020 come lo vorreste voi.

AL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Visitatori Blog

  • 139.417 visite

Milano3 è anche questo

Siamo su Facebook

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Olimpiadi 2026

Onore e Stima. Uomini di Stato uccisi, anche dallo stato.

Articoli più cliccati

Info Resp. Blog

Blog Ideato e gestito da Annamaria Licata.
Rif. Mail: licata.annamaria@libero.it

5.000.000 di SI.

Natale 2018: Un giocattolo per un sorriso.

RSS Un pò di Sport

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

Per non dimenticare: Giustizia per Genova.

Member of The Internet Defense League

GAIA Animali e Ambiente Basiglio tel. 338.3308300

Sede presso "Casa delle Associazioni" - Res. Solco, 511, Basiglio. Responsabili: Pamela Marangoni, Edea Conti. Volontaria Rozzano:

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: